Germogli di Soia

Pigiama Party con cachaca

Allora, ci sono un’italiana, una brasiliana e una cilena che si trovano in una casa a San Salvario. Ragazze toste (due di loro, l’altra no), che però vengono messe alla prova da un nemico inaspettato: LA BLATTA. E così comincia la guerra contro questo insetto ENORME che a quanto pare non ha paura né dell’essere umano né della scopa. E quindi le ragazze toste finisco per star sedute fuori su un enorme terrazzo per un numero imprecisato di ore con i piedi sulla sedia, la scopa in una mano e lo svitol nell’altra, nella speranza di a) poter scendere dalla sedia e b) non dover usare quelle armi, anche se non avevano paura di usarle.
[lo svitol è un lubrificante per cerniere di porte ma a quanto pare ammazza le blatte sul colpo. Fortunatamente la cilena e l’italiana sono riuscite a convincere la brasiliana a non utilizzarlo]
Blatte a parte, la serata si è svolta come i classici pigiama party da 15enni. Una cassa di birra per grosse aspettative, cena in piena notte, uomini trattati male (se non peggio), gossip, Lady Gaga e Rihanna.

In realtà però le protagoniste sono tre crocerossine che mentre si scolavano bottiglie di birra (poche secondo gli standard) parlavano di filosofia, fisica, matematica e poi non ricordo. Perché la birra a stomaco vuoto ha cominciato a fare effetto, la mano rossa sul muro ne ha fatto un altro e il buio ha dato il colpo di grazia. E quindi le crocerossine sono rientrate per preparare una sontuosissima cena a base amidacea (perché si sa che se vuoi bere ma non star male devi assorbire l’alcool che hai nello stomaco).
La cilena (Simona) nell’altra vita era una cuoca. Poi è diventata cilena e anche donna in carriera e quindi ha perso voglia e tempo. Quando lei è partita 3 anni fa io ancora mangiavo la carne e ancora non cucinavo. E quando ci siamo trovate in una cucina che aveva tutto l’aspetto di avere dei fantastici coltelli (abbiamo scoperto di AMARE FOLLEMENTE il taglio dei vegetali) non potevamo non cucinare insieme. E così mentre la brasiliana (Indira) smanettava al pc per metterci un po’ di musica (Chemical Brothers, poi Lady Gaga e poi Rihanna) e gli zainetti pieni di robe e corde per prepararsi al lavoro del giorno dopo, la cena ha preso ha preso una forma.

Come primo, una pasta con un soffritto di cipolla e zucchine grattugiate.
La pasta l’ha fatta Simona. Ha messo su l’acqua per la pasta e ha tritato una cipolla e mezza, ha messo una padella sul fuoco con un fondo d’olio e l’ha scaldato, poi ha unito la cipolla e mentre lei stufava ha grattugiato 2 zucchine grandi e le ha unite alla cipolla. Ha buttato la pasta. Ha saltato il tutto e ha insaporito con la cachaca (un distillato brasiliano di canna da zucchero) e il pepe nero appena macinato, ha unito la pasta e abbiamo impiattato. La parte verde delle cipolle non è stata buttata, ma usata come decorazione sopra al piatto, dando comunque sapore.

Io ho preparato un’insalata calda di patate.
Ho tagliato 5 patate medio-piccole a cubetti che ho messo in una pentola con acqua fredda e ho portato ad ebollizione. Ho salato e ho cotto fino a quando le patate non sono state tenere ma non sfatte. Intanto ho tritato un’altra cipolla e mezza e l’ho messa in una padella (ho preparato le patate mentre mangiavamo la pasta, quindi ho usato la stessa padella) con un fondo d’olio, ho fatto soffriggere e poi ci ho unito le patate e ho fatto saltare a fuoco ben alto così da far formare la crosticina croccante. Intanto ho preso una manciata di olive verdi e le ho tagliate a fettine. Le ho unite alle patate (che non ho mescolato per evitare che si squagliassero, ma le ho saltate) e ho insaporito con erba cipollina tagliuzzata, erbe provenzali e pepe bianco. Ho aggiustato di sale (non troppo perché le olive sono molto sapide) e abbiamo impiattato.

Per finire, un bel caffè corretto cachaca 😉

La serata è andata molto molto bene, è finita come tutti i pigiama party, a dormire tutte insieme sul soppalco, soprattutto per paura di ritrovarsi blatte in faccia nel mezzo della notte.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Pigiama Party con cachaca

  1. Eh sì che seratina e tu non ti tiri mai indietro 🙂 Sei formidabile e piena di energie e risorse ^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: